Ritratto di Kolbe

Dal libro Massimiliano Kolbe – Il Santo di Auschwitz, di Patricia Treece:

Sebbene, come tutti i prigionieri, indossasse abiti sporchi e strappati, con una scodella che pendeva da una parte e,come tutti, apparisse come uno scheletro consumato e degradato, in lui, in qualche modo, tutto questo veniva cancellato dal fascino del suo comportamento spirituale e dalla santità che irradiava dalla sua persona…

Mi piaceva guardarlo nei suoi occhi così belli e infossati, che avevano tanto calore e tanta dolcezza. A quel tempo P. Massimiliano aveva ancora i lividi delle bastonate, ma non si lamentava mai.

Fu lui che mi aiutò a penetrare nel senso della sofferenza

P. Zygmund Ruszczak, sacerdote internato ad Auschwitz

Annunci

Lettera dal carcere

E-mail spedita da un carcere in Polonia alle Missionarie di Harmęże:

Non so se vi rendete conto di quanto sia importante per me ciò che avete fatto.

Mi vergogno ad ammettere che ho sentito parlare di san Massimiliano Kolbe per la prima volta da voi. Sono una persona credente ma da molti anni ho trascurato la mia fede; in qualche modo era come se provassi a dimenticarmi di Dio. Mi vergogno di dire questo proprio a voi che, invece, avete consacrato tutta la vita al Signore.

Dopo aver ricevuto la vostra lettera ho fatto un esame di coscienza cercando di capire il perché del mio allontanamento da Dio e non so rispondermi. Con la vostra benevolenza e con il vostro venirmi incontro mi avete fatto sentire uno “strano disagio” perché, pur avendo tanto tempo a disposizione, non ho mai saputo trovare un momento per pregare. Per questo mi sono riproposto di chiedervi la coroncina per poter essere presente in quel “santuario” (la cella di san Massimiliano). Ancora una volta ringrazio voi missionarie per avermi dato una scossa e per avermi fatto ricordare di Dio.

Con stima.

P.K.