Il nostro viaggio

Margherita, Mara e Maria, un viaggio fatto insieme alla scoperta di una pagina di storia da non dimenticare. Tante le parole che risuonano dentro. In questo post la prima testimonianza di Margherita.

dsc_6439.jpg

A molti potrebbe sembrare strano, ma questo viaggio è sempre stato il mio viaggio per eccellenza. Dicevo a tutti, prima o poi ci devo andare, secondo me dovrebbero andarci tutti per non dimenticare, dovrebbe essere obbligatorio per i ragazzi nelle scuole. Sono contenta di averlo fatto e non perché ho rivisto di persona ciò che ho visto in televisione tante volte ed è sconvolgente osservare quanto i servizi siano sempre così aderenti alla realtà.

Questo viaggio mi ha permesso di ripercorrere la storia di quegli anni, calpestare la terra dove donne, uomini e bambini sono morti sotto il sorriso beffardo di aguzzini senza cuore, che hanno agito contrariamente a qualsiasi legge umana, tanto da perderne le sembianze e, probabilmente, anche quelle animali…. Fa paura conoscere fino a che limite l’uomo possa arrivare, dove la ragione, strumento di pace, diventi strumento di morte. Ma grazie alle Missionarie dell’Immacolata p. Kolbe, persone calorose, squisite e “detentrici” di qualcosa di inestimabile, oltre a questo percorso ho potuto “intraprendere” il viaggio più grande e profondo che si potesse fare, un Viaggio Umano: rivivere quei momenti con gli occhi di chi li ha vissuti, di chi c’è stato, vedere le tracce di ciò che lascia un’esperienza così totalizzante. Ringrazio Marian Kolodziej, che ora non c’è più, per aver lasciato a noi la possibilità di fare con lui quel viaggio nella memoria, di cosa sia stato ed è Auschwitz per ognuno di noi che non vuole dimenticare, e nello stesso tempo di  rendere “un omaggio” a chi ingiustamente è morto in ogni lager di allora e di oggi.

Non c’è motivazione che possa spiegare, né tantomeno giustificazione che possa motivare il trattare gli uomini al pari e addirittura al di sotto delle bestie. Ed è per questo che non dobbiamo dimenticare e tenere viva la memoria, perché l’uomo è capace di grandi imprese ma anche di quelle più infime.

Margherita